stranger things: tutti pazzi per gli anni 80

Pubblicatoil Nov 12, 2017 in attualità, tendenze

La frenetica corsa al sapere, a scoprire, a come va a finire…l’ho vissuto sulla mia pelle( per l’ennesima volta) con l’ultima coinvolgente serie STRANGER THINGS. Mangiata e assaporata in soli 3 giorni. Una corsa contro il tempo e con la pazzia di trovare cinque minuti liberi per farmi letteralmente “infognare”.

Un’ esclusiva di Netflix ideata da Matt e Ross Duffer e prodotta da Camp Hero Productions e 21 Laps Entertainment che mi ha riportato alla memoria un’adolescenza piena di sogni e di avventura. Innegabile il nesso con i Goonies, E.T. extraterrestre e Stand by me-Ricordo di un’estate. Da donna, allora ragazza, ci rivedo anche Bella in rosa e Footloose, ovviamente io ricollego questi film perche’ mi hanno fatto sognare e sono rimasta incollata alla televisione per la loro potenza comunicativa che mi trasmettevano.

Stringer Things e’ un vero e proprio omaggio al cinema di fantascenza degli anni 80, quei fantastici anni 80. Io ero solo una bambina quando uscirono, ma quando li ho visti qualche anno dopo li sentivo cosi’ vicino a me da renderli reali. Un flash back continuo che mi ha fatto battere il cuore e sorridere in molte occasioni. Indubbiamente ci sono momenti che si potrebbero avvicinare all’horror e attimi di pura suspence, un thriller non solo per ragazzi, ma per tutti. Un inno ai nerd, alla conoscenza e al sapere.

Agitazione e curiosita’ sono gli aggettivi che mi hanno intrappolata in questa sorprendente produzione, musiche elettroniche che mi ricordano molto i Daft Punk in Tron:legacy e ovviamente la storia, avvincente e davvero convincente come anche il cast, davvero fantastici. Senza andare troppo nel dettaglio ho adorato queste due stagioni, facendole mie , sognando quell’adolescenza perduta , ma che a volte mi sembra ancora di poter vivere. Vivere un’avventura straordinaria..chi e’ che non lo ha mai desiderato..io credo nessuno.

Secondo me questo e’ un altro fenonomeno di costume, come e’ successo al mio adorato Game of Thrones. Credo e ne sono convinta, che gli anni 80 ci ri-contageranno nella loro potenza: quadretti, camicioni, pantaloni di velluto a costine, Jeans, tanto jeans. Uno stile inconfondibile in total look, (come anche per le acconciature dei capelli) che ci ricordiamo con affetto e che quando ci rivediamo nelle foto della fanciullezza ci fa ridere e imbarazzare. Gli intramontabili Ray-ban rubati ai genitori, le salopette per andare a scuola, le sneaker della Nike agognate da Ritorno al Futuro. Insomma mi ha stregato!!! E nell’attesa della terza stagione vi consiglio vivamente di entrare nell’ insospettabile cittadina di Hawkins. Io mi sono gia’ follemente innamorata di Mike.

Buona visione

# # # # # # # # # # # #

Rispondi